La storia di Vistosi affonda le sue radici nel sedicesimo secolo quando il nome del capostipite, Vincenzo Gazzabin, compare per la prima volta nei registri dell’arte vetraria muranese. Il nome “Vistosi” fa la sua comparsa poco dopo, come soprannome di un erede della vetreria Gazzabin. Sotto la guida di Gino e Luciano Vistosi l’azienda inizia a concentrarsi nella produzione di articoli per l’illuminazione e avvia una proficua collaborazione con i designer dell’epoca: da Gae Aulenti a Ettore Sottsass, da Vico Magisteretti ad Angelo Mangiarotti. Il 1989 è l’anno in cui Giancarlo Moretti, imprenditore muranese da tempo attivo nel settore, rileva l’azienda dando vita a Vetreria Vistosi. Sarà opera di Matteo Moretti, figlio di Giancarlo, il rilancio del marchio: a una profonda riorganizzazione produttiva e commerciale vengono affiancate nuove importanti collaborazioni con disegnatori e creativi: Chiaramonte e Marin, Michele De Lucchi, Mauro Olivieri sono alcuni di loro. La Vetreria Vistosi è una vera e propria industria artigianale le cui tecniche produttive e decorative ne fanno oggi uno dei più competitivi player sul mercato. www.vistosi.it